Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 10
 
 


2009,
Numero 10

Clima. I benefici della collaborazione globale

DocumentoUno studio degli economisti dell’Università di Cambridge commissionato dal think tank “Office of Tony Blair” (1ª parte)
di Tony Blair

La gente non ha impiegato molto tempo a comprendere come il cambiamento climatico non sia più solamente una questione ambientale. L’impatto del riscaldamento globale minaccia le abitazioni delle persone, il loro stile di vita, la salute e gli approvvigionamenti dei beni di prima necessità. Gli affari, il sistema dei trasporti e le infrastrutture sono parimenti a rischio. Le conseguenze economiche di un cambiamento climatico incontrollato potrebbero essere enormi. Esso ha dirette ripercussioni sull’ambiente economico, colpendo gli investimenti tecnologici, il commercio internazionale, la competitività, il lavoro, l’equità e la crescita stessa.
Sono queste ripercussioni economiche - oltre al fatto che il cambiamento climatico può essere contrastato unicamente a livello globale - che fanno in modo che il raggiungimento di un ambizioso accordo internazionale sia così complicato, specialmente in tempi di crisi economica. Ed è probabile che, per quanto sia ampiamente riconosciuto che i costi del taglio delle emissioni inquinanti vengano nettamente superati da quelli dell’inattività, le preoccupazioni rispetto alla nostra capacità di mettere in campo tecnologie adeguate e le perplessità ...