Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 10
 
 


2009,
Numero 10

Riformismo islamico. Le eroine della Nuova Frontiera dei diritti

Nonie Darwish“La distinzione tra radicali e moderati è un’immagine giornalistica”
di Ilaria Calamandrei

Per riformismo islamico potremmo intendere quel movimento esterno alle società di origine che chiede un radicale cambiamento nell’insegnamento e nella promulgazione dell’Islam, l’epurazione delle leggi coraniche dai codici civili e penali dei paesi arabi, l’abolizione della condanna a morte per i reati di apostasia e conversione ad altre fedi, la fine dell’anti-semitismo e sopratutto la condanna ufficiale dei paesi della Lega Araba del terrorismo internazionale islamico e la cooperazione con i paesi vittime di attentati per l’identificazione e la cattura degli organizzatori e dei loro membri. Gli esponenti di questo movimento, musulmani di nascita e per la maggior parte convertiti ad altre religioni o agnostici, risiedono all’estero, e su di loro pendono le fatwa, le condanne di apostasia. Non si autodefiniscono “riformisti” ma è possibile riconoscerli come tali, in quanto pubblicano libri, intervengono nelle trasmissioni arabe e occidentali, organizzano seminari e eventi nelle università e nei centri culturali di tutto il mondo, diffondendo lo stesso appello: l’Islam va riformato; altrimenti è giusto che perisca nel confronto che lo vede, non solo idealmente, nemico dell’Occidente...