Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 10
 
 


2009,
Numero 10

Ayaan Hirsi Ali, Irshad Manji. La lettura critica del Corano

Le eroine dell’Islam
di Barbara Lattanzi

L’estate del 2009 si era aperta con segnali di speranza verso una possibile soluzione dei conflitti che dividono il mondo. La visita di Benedetto XVI in medio oriente e il suo messaggio diretto alle tre grandi religioni, l’apertura del presidente Obama all’Islam in particolare nel suo discorso tenuto al Cairo, sembrano segnare una svolta e, finalmente, una prospettiva di superamento del “conflitto di civiltŕ”, della contrapposizione culturale, politica e sociale che ha segnato la cesura tra mondo orientale e mondo occidentale in questi ultimi anni. Dopo il panico suscitato dagli attentati dell’11 settembre 2001 lo “scontro” appariva insanabile e devastante, quasi uno squarcio che divideva il mondo contrapponendo l’occidente, regno della democrazia, del rispetto dei diritti, della razionalitŕ e del progresso scientifico e socio-economico, a un oriente arretrato, dogmatico e tirannico. Numerosi in questi ultimi, insieme alle inchieste sul terrorismo internazionale, le analisi di vario tipo sulla cultura e religione islamica e sulle condizioni di vita e i diritti civili nei paesi arabi e asiatici.
La contrapposizione aperta tra mondo occidentale e mondo orientale non ha sicuramente f...