Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 11
 
 


2009,
Numero 11

Dopo i delitti ha vinto l’“autocensura”

Tavola rotondaA colloquio con Vitali Yaroshevsky (Novaja Gazeta) e Elena Zhemkova (Memorial) su stampa e regime
di Pamela Foti e Anna Agliati

Nel corso della visita a Mosca per manifestare in memoria di Anna Politkovskaja, la delegazione di Anna Viva di Milano e della Critica Sociale hanno incontrato rappresentanti di Memorial e di Novaja Gazeta con cui sono state scambiate impressioni e notizie sulla situazione di “libertà vigilata” in cui si trovano i diritti umani e civili in Russia a vent’anni dalla fine del comunismo. Pamela Foti e Anna Agliati hanno steso il contenuto del colloquio con Vitali Yaroshevsky, vicecaporedattore di Novaja Gazeta, quotidiano indipendente per il quale scriveva Anna Politkovskaja. ed Elena Zhemkova, attivista di Memorial, responsabile dei progetti con le scuole ed esperta dei rapporti russo-tedeschi seconda guerra mondiale.

Dopo l’uccisione di Natalja Estemirova l’associazione per i diritti umani Memorial’ ha chiuso i suoi uffici a Groznij e la redazione di Novaja Gazeta non ha più corrispondenti da quella città. Questo significa che la guerra nel Caucaso non è finita?

Vitali Yaroshevsky: “Davanti all’omicidio delle persone, davanti alla barbara uccisione di uomini e donne, cos’altro si può dire se non che in quelle terre la guerra non è finita. E’ latente. Nascosta. E’ in atto una vera e...