Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 12
 
 


2009,
Numero 12

Riformismo & Libertà

Think tankIl programma della nuova Fondazione lib-lab sorta per iniziativa di Fabrizio Cicchitto e Francesco Forte
di Fabrizio Cicchitto

Pubblichiamo alcuni capitoli del programma della nuova Fondazione la cui stesura è stata coordinata da Fabrizio Cicchitto

Il nostro punto di partenza è costituito dalla valutazione che nel nostro Paese è sempre stata fondamentale l’alleanza fra cattolici e laici su posizioni liberaldemocratiche e riformiste. Una riprova, a negativo, riguarda il primo dopoguerra: una delle ragioni per cui il fascismo “passò” e vinse fu determinata dal fatto che non riuscì l’alleanza fra i socialisti di Turati, i popolari di Don Sturzo e i liberali giolittiani. Così, nel secondo dopoguerra, è stata decisiva prima l’alleanza della DC di De Gasperi con i laici del PRI, del PSDI, del PU, poi la collaborazione di centrosinistra fra democristiani, socialisti e laici. Il capolavoro di Berlusconi nel 1994 è stato quello di costruire un nuovo soggetto politico, Forza Italia, che ha aggregato i moderati e i riformisti cattolici e laici dopo che la DC, il PSI, il PSOI, il PU e il PRI erano stati distrutti da “mani pulite”. L’incontro fra cattolici e laici ha caratterizzato sia la vita di Forza Italia, sia quella, con un retro terra storico assai diverso, di AN: a maggior ragione deve segnare la vita del PDL. ...