Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 12
 
 


2009,
Numero 12

I misteri di Ignazio Silone

Il libroUscito a New York “Bitter spring: a life of Ignazio Silone” di Stanislao Pugliese (Farrar, Strauss and Giroux)
di Franco Andreucci

Di Ignazio Silone bisogna discutere con serietà. Inutile, sgradevole, alla fine stupido, dividersi fra innocentisti e colpevolisti, favorevoli e contrari, pubblici ministeri o avvocati difensori. E peggio ancora pensare che chi non fa parte di un gruppo né dell’altro sia un “cerchiobottista”. Alla fine, con i documenti di cui disponiamo, se Silone abbia collaborato con l’ispettore Bellone dell’OVRA per cinque o dieci anni, se sia stato semplicemente suo amico o se abbia cercato di salvare il fratello, resta materia di pura controversia. Gli stessi studiosi che per primi hanno documentato la vicenda della “doppia vita” dell’ “informatore”, non hanno ricostruito tutto il mosaico della sua storia in modo completo e indiscutibile, mentre coloro che hanno tentato di smontare il “processo a Silone” sono al massimo riusciti a proporre i dubbi di una risicata “insufficienza di prove”.
Ma andiamo con ordine, e cerchiamo di parlare di Silone con la serietà necessaria. La cosa, alla fine, non è difficile e anzi ci propone una sfida straordinaria. Affrontare la questione con serietà è finalmente consentito dal numero e dalla ricchezza degli studi che negli ultimi anni si sono occupati del gra...