Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 12
 
 


2009,
Numero 12

Medvedev e la rivoluzione silenziosa dei Civiliki

RussiaLe incognite e le tensioni per una svolta verso la modernizzazione e la democrazia condotta dagli “avvocati”
di Francesca Morandi

La Russia è vicina a una svolta. Lo indicano riforme economiche alle porte, un imminente ingresso nell’Organizzazione Mondiale del commercio (WTO) e cambiamenti in vista nella leadership governativa, che muteranno il panorama politico-economico del Paese, da dieci anni guidato con il pugno di ferro da Vladimir Putin. Forse anche grazie al rientro in politica di Mikhail Gorbaciov, come l’ultimo presidente dell’ex Urss ha annunciato in occasione del ventennale del crollo del Muro di Berlino.
«La preoccupazione per la situazione attuale in Russia mi spinge a creare una forza politica che possa fare opposizione», ha affermato nei giorni scorsi l’ex capo dell’Unione sovietica, secondo il quale la corruzione e la dipendenza dall’export di petrolio hanno aggravato la crisi economica nel Paese. Gorbaciov ha apertamente sostenuto, anzi sollecitato, il presidente Dmitry Medvedev ad andare avanti nella sua linea volta a riformare il sistema economico russo, tagliare la spesa pubblica e garantire le libertà civili, così come ha annunciato nel Discorso annuale alla Nazione, lo scorso 12 novembre. Medvedev aveva espresso la necessità di modernizzare l’economia russa, ponendo fine alla dipenden...