Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 1
 
 


2012,
Numero 1/2

L’Avanti! di Enrico Ferri e l’opposizione al Governo Giolitti

I direttori dell’Avanti! dalla nascita al fascismo
di Dall'Avanti! Nuova Serie

La prima grande spettacolare battaglia condotta da Enrico Ferri dalle colonne dell’Avanti! è quella contro le acciaierie Terni, fornitrici di corazze navali, e il ministro della Marina Bettolo, che viene apertamente accusato di complicità con i «succhioni» della Terni.
Il problema degli alti costi delle forniture navali era già stato oggetto di dibattito tra gli economisti liberali, che più volte avevano segnalato l’anormalità della situazione finanziaria della Terni che, fornitrice dello Stato, distribuiva ai suoi azionisti altissimi dividendi, mentre il valore nominale delle sue azioni era cresciuto rapidamente in misura impressionante. Ferri ha l’idea di portare la polemica su un piano volutamente scandalistico, indicando, con estrema violenza di linguaggio, il ministro come responsabile degli appalti scandalosi e delle forniture scadenti. La campagna ha una conclusione in sede giudiziaria con la condanna di Ferri per diffamazione, e un’altra conclusione, più lontana nel tempo, in sede politica, che si concretizza in una inchiesta parlamentare sulle forniture navali.
La campagna contro la Terni è accompagnata e seguita da una ininterrotta serie di articoli contro le oligarchie i...