Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 1
 
 


2012,
Numero 1/2

Claudio Treves “il piů grande giornalista italiano”

I direttori dell’Avanti! dalla nascita al fascismo
di Dall'Avanti! Nuova Serie

La direzione di Claudio Treves cade in un periodo particolarmente delicato per la vita del giornale, del partito e del paese. Bissolati aveva ereditato da Ferri una situazione finanziaria preoccupante, alla quale un generoso sforzo del partito, una piů oculata amministrazione, avevano posto qualche riparo, ma che rimaneva ancora pesante. L’indirizzo politico di Bissolati, che si era manifestato anche nella tendenza a interessare il giornale soprattutto ai dibattiti politici e parlamentari, poco o nulla concedendo al partito, era valso a provocare una contrazione nella diffusione, accentuata nell’ultimo anno della sua direzione. A questo si aggiunga che l’ala riformista, pur vittoriosa in congresso, era stata posta in crisi al primo delinearsi in essa di una frattura, della quale l’allusione dello stesso Bissolati al partito come ad un < ramo secco>, era stato un sintomo da tutti raccolto e sottolineato. E infine, non passerŕ che un anno dal congresso che il Partito socialista e il suo giornale si troveranno a dover sostenere l’urto interno ed esterno derivante dallo scoppio della guerra libica. In tale situazione Claudio Treves riesce non soltanto a resistere, ma a fare in modo che...