Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 1
 
 


2012,
Numero 1/2

Benito Mussolini “la violenza č levatrice della storia”

I direttori dell’Avanti! dalla nascita al fascismo
di Dall'Avanti! Nuova Serie

Nel 1912 si era costituita ad iniziativa di anarchici e sindacalisti, la Unione Sindacale Italiana, in funzione diretta antagonista della riformista Confederazione Generale del Lavoro, particolarmente forte a Milano, nella Romagna, nella zona di Carrara. La sua bandiera č il mito soreliano dello sciopero generale,inteso come mezzo per rivendicare aumenti salariali e migliori condizioni di lavoro, ma come ginnastica educativa del proletariato rivoluzionario. Le precedenti lotte di lavoro a direzione sindacalista si erano invariabilmente chiuse con dure sconfitte, ma ora, nell’accresciuta tensione della lotta politica, la parola d’ordine estremistiche riacquistano credito permettendo cosi la nascita della nuova robusta organizzazione. L’obbiettivo strategico che a questo punto Mussolini si propone č quello di legare al Partito socialista, e per esso alla politica personale del direttore dell’Avanti!, tali correnti, valendosi di esse per disgregare, o comunque per trascinare su di un nuovo terreno di lotta, la Confederazione Generale del Lavoro, che rimaneva il formidabile baluardo dei riformisti e rendeva di fatto impossibile ogni rovesciamento del Partito socialista. A questo scopo ...