Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 1
 
 


2012,
Numero 1/2

Pietro Nenni. L’Avanti! è il Partito. La vittoria sui “fusionisti”

I direttori dell’Avanti! dalla nascita al fascismo
di Dall'Avanti! Nuova Serie

Il congresso nazionale che è convocato nell’ottobre del 1921 si risolve in una nuova sterile accademia. I lavori hanno inizio in un’atmosfera di grande entusiasmo. Alla vigilia del congresso, Milano, che ne è la sede, ha avuto una sua grande giornata socialista, con l’inaugurazione, in vai Settala, con grande concorso di popolo, del nuovo grande palazzo dell’Avanti! Distrutta nel ’19 la vecchia sede del giornale, lo sforzo concorde di tutti i socialisti ha permesso la nuova grande realizzazione. Un palazzo a tre piani, con ampi uffici, moderni e completi impianti tipografici, è la nuova casa del giornale, che sarà presto arricchita di albergo, ristorante, sale di trattenimento e biblioteca. I vecchi direttori dell’Avanti! e quello in carica, da Ferri, tornato improvvisamente e provvisoriamente nelle file socialiste, a Treves, Bacci, Serrati, tengono un grandioso comizio. Ed è Serrati a salutare il tramonto dei tempi duri del giornale, paragonando le difficoltà del periodo bellico alla grande vittoriosa realizzazione del presente, ben lungi dal prevedere che, esattamente un anno dopo, la nuova superba casa sarebbe stata ridotta a un cumulo di rovine.
Al congresso i riformisti pongon...