Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 1
 
 


2012,
Numero 1/2

Il ritorno dell’Avanti!

Per un grande progetto politico
di Dall'Avanti! Nuova Serie

È ora di mettere la parola fine agli anni della “sopravvivenza” socialista!
Da una parte, la resistenza di migliaia di socialisti che con presidi sul territorio e su internet hanno cercato di salvaguardare una gloriosa storia politica e, dall’altra, una manciata di piccoli “funzionari”che approfittando della buona fede di tanti uomini e donne hanno lavorato per soddisfare i loro miseri egoismi personali partecipando al saccheggio culturale e politico di una grande cultura politica.
Non abbiamo ancora un’Europa politica, e per giunta guardando al nostro Paese, è evidente lo stato di degrado della politica e degli uomini politici.
Non manca una grande forza del socialismo democratico, ma addirittura assistiamo alla scomparsa della sinistra italiana intesa come luogo di partecipazione, di elaborazione, di propulsione e di organizzazione politica.
E’ giunto il tempo, e la fine di questa seconda Repubblica che non è mai nata, ce ne offre l’opportunità. E’ il momento di rendere protagonista di una nuova fase quella grande cultura politica che in molti abbiamo cercato di conservare in questi anni difficili. A questo proposito, il ritorno dell’Avanti! ci offre una concreta opportunità...