Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 5
 
 


2012,
Numero 5/6

Ancora un passo Avanti! (“One step Forward”, W. Churchill). Le Tesi e il Seminario politico-organizzativo

“Quando non ce la fai più, quello è il momento in cui il nemico è esausto. Ancora un passo avanti ti darà il frutto della vittoria”
di Rino Formica

All’alba del socialismo italiano, a cavallo tra l’800 e il ‘900, due furono gli strumenti di lotta e di pensiero che ne accompagnarono l’azione: l’Avanti! e Critica sociale. A quei tempi, tanto poveri di mezzi comunicativi ma tanto voraci di comunicazione e ricchi di passioni, le due voci indicarono a milioni di italiani il passaggio dall’anonimato al protagonismo politico, dal pragmatismo all’identità ideologica e alla maturità culturale, dallo spontaneismo ribellistico alla forza politica organizzata. Oggi, a distanza di tantissimo tempo, attorno a queste due testate, l’Avanti! e Critica sociale, e a Milano, centro politico del socialismo delle origini, i socialisti si ritrovano per parlare di futuro, non di un immaginario futuribile, ma del futuro del socialismo e, per dire meglio, si ritrovano per discutere se il socialismo ha uno spazio nel futuro dell’Italia e dell’Europa e in che forma deve proporsi.

Il Socialismo largo
L’esito non é scontato. É scontato invece l’inizio di un lavoro duro e faticoso, ma libero e aperto a tutte le intelligenze libere e aperte, per definire le linee di un Socialismo largo come “uscita di sicurezza” dalla crisi. Con consapevolezza introduciamo...