Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 5
 
 


2012,
Numero 5/6

La presunzione antiumanista della “modernità”

Il Socialismo largo non è nè di destra nè di sinistra. Introduzione alle Tesi del seminario per l’Avanti!
di Emanuele Ceglie

Si raccolgono, si riordinano e si sviluppano i ragionamenti di Rino Formica sulla storia e sulle storie politiche che stanno attraversando l’Italia e il mondo d’oggi. Non casualmente qui si usa il termine storia e non avvenimento. La storia richiede intelligenza interpretativa, capacità unitaria nel collegare i singoli fatti mentre per gli avvenimenti è sufficiente l’intelligenza breve e veloce dell’intuito e la capacità tattica del passaggio all’azione immediata.
Le analisi, le idee, gli spunti di ricerca qui organizzati, per essere letti con profitto, vanno riferiti alla idea-guida che li attraversa: il socialismo italiano, non solo inteso nel suo centenario ciclo vitale, ma nella sua declinazione di socialismo riformista come si determinò negli anni ’80, ha ancora molto da dire, a condizione di un allargamento teorico e politico fino a ristrutturarne sensibilmente la originaria configurazione, preservando però la vocazione irriducibilmente riformatrice, modernizzante, anti-totalitaria, solidale. L’idea è quella del Socialismo largo e, sebbene molte parole vengano spese per chiarire il concetto e disegnarne il profilo, non si può dire raggiunto del tutto l’obiettivo. Come si dice...