Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 5
 
 


2012,
Numero 5/6

Le Tesi per la rinascita dell’Avanti!

La nozione di Socialismo largo e il mancato revisionismo nella storia politica della sinistra
di Rino Formica

Capitolo I°: Dal partito totalitario ai partiti totali

Interrogarsi sul destino o sul futuro del partito politico, nella condizione dell’oggi del paese, non é affatto esercitazione scientifica o culturale, anche se per un’analisi non superficiale é necessario armarsi anche di una buona attrezzatura di scienza della politica. Porsi il tema del partito é, invece, entrare nel vivo della specifica crisi del sistema-paese, intendendo con il termine “sistema” non solo quello propriamente politico ma tutto un insieme di sotto-sistemi (quali ad es. i rapporti sociali, il rapporto cittadino-istituzioni, il funzionamento della macchina delle amministrazioni statuali e locali, il sentimento civico del paese. E si potrebbe continuare). La ragione della totalizzazione del ruolo del partito politico e della sua natura sistemica sta nella nostra Carta fondamentale: é nella Costituzione che il partito si auto-riconosce motore generale della vita democratica. I tre partiti di massa che guidarono la Resistenza e l’incipit democratico del paese, pensarono espressamente alla identificazione Partiti-Stato democratico, mentre solo alcune minoranze liberal-democratiche tentarono di introdurre una divers...