Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 5
 
 


2012,
Numero 5/6

Per un’alleanza tra socialisti e capitalismo industriale

Il capitalismo finanziario, il capital comunismo, l’anarchia finanziaria hanno messo in crisi l’Occidente
di Carlo Tognoli

I temi affrontati nella relazione di Formica, che credo molti di voi abbiano letto, sono un’ottima traccia anche per orientarci nel mondo in cui viviamo e per leggere i processi in corso, le forme che l’economia ha assunto con il progressivo superamento del cosiddetto ‘fordismo’, che è stato alla base della crescita dell’industria per buona parte del XX secolo. Il passaggio dalla società industriale a quella postindustriale ha prodotto modifiche sostanziali nella produzione, ampliando la funzione delle aziende di servizi, riducendo la dimensione delle fabbriche, trasformando progressivamente il lavoro da collettivo a individuale, incrementando informazione e spettacolo che hanno assunto caratteri industriali. La società dell’informazione e la globalizzazione hanno allargato i mercati e hanno profondamente cambiato la finanza internazionale.
L’esplosione del capitalismo finanziario e speculativo denunciata da tempo proprio dal professor Tremonti, il capital comunismo di stampo cinese, l’anarchia finanziaria, hanno messo in difficoltà il mondo occidentale e in esso ovviamente l’Europa e nell’ambito dell’Europa i paesi più deboli. Ora la suggestiva ipotesi che emerge dalle tesi di For...