Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 5
 
 


2012,
Numero 5/6

Perchè tre confederazioni? Ai sindacati ricordo che è finita la guerra fredda

Il Gruppo di Volpedo, l’Avanti! e il “partito dei lavoratori”
di Dario Allamano

Care compagne e cari compagni, come gruppo di Volpedo il 26 maggio a Stella San Giovanni abbiamo deciso di aderire all’unanimità dei circoli che erano presenti al seminario che abbiamo svolto nel paese dov’è nato Pertini, di aderire all’unanimità al progetto del nuovo Avanti. L’abbiamo fatto nella consapevolezza che ai socialisti in Italia mancava qualcosa, mancava una voce ma se pensiamo che la voce sia quella di guardare all’indietro pensando di andare avanti ho l’impressione che rischiamo grosso.
Noi abbiamo di fronte una realtà drammatica. Cito due numeri c’è qui Tremonti seduto in prima fila mi può smentire se sbaglio. Nel mondo gira qualcosa come 700.000 miliardi di titoli derivati che sono carta straccia e nessuno ha ancora deciso esattamente cosa fare di quei 700.000 miliardi nel senso che fino a che a livello mondiale non si deciderà cosa fare di quei 700.000 miliardi cioè come quel debito lì verrà azzerrato, molto probabilmente il socialismo democratico come l’abbiamo vissuto noi nel quarantennio precedente difficilmente lo vedremo perché non ci saranno risorse da ridistribuire. Bisognare essere consapevoli di questo, ha ragione Rino Formica, si sta aprendo un periodo in ...