Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 5
 
 


2012,
Numero 5/6

Vi porto il saluto di Fulvio Papi. “Coniugare etica e critica spregiudicata”

Un messaggio scritto del filosofo e direttore con Lombardi
di Felice Besostri

Voglio farmi portavoce di un messaggio di Fulvio Papi, che è stato vicedirettore dell’Avanti! quando era direttore Riccardo Lombardi.
Dice che è stato un momento di gioia e di emozione quando ha saputo che l’Avanti! poteva tornare a essere pubblicato e che tra le persone impegnate in questa attività figurano due persone, come Tognoli e il sottoscritto, per cui prova un’amicizia che risale a molti anni fa. Posso solo aggiungere che io, che sono un ragazzo di 68 anni, non vedo ancora vicino il socialismo che allora si auspicava.
Papi ricorda quanto l’Avanti! fosse importante quando aveva 14-15 anni e che suo padre, tornando a Milano (loro stavano a Stresa), portava questo giornale dopo averlo letto. “Ora che questo giornale ritorna è quasi obbligatorio che mi chieda che cosa mi aspetto dalle sue pagine. Il mio indicabile amico Arfé ha scritto da maestro la storia del giornale, credo che se ne ricavino due lezioni. Nel nostro essere storici convergono due elementi; il primo rimanda a una tradizione etica che indica i propri compiti secondo alcuni principi fondamentali, la seconda è l’attenzione allo spazio del mondo che ci investe con le sue forme dominanti. Immagino l’Avanti! come un...