Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 5
 
 


2012,
Numero 5/6

L’Avanti! contro l’antipolitica. Purchè non nasca con la testa al passato

Non si possono affidare le istituzioni solo ai banchieri
di Cesare Marini

Èinteressante seguire l’interpretazione dei fatti a iniziare dal compromesso politico-culturale della costituente fino agli ultimi eventi, compresa la mancata nascita di un grande partito socialdemocratico, che origina dalla svolta di Salerno di Togliatti, dalla quale nasce la linea della cosiddetta doppiezza che in realtà ha tolto l’erba sotto i piedi alla possibilità di un vero partito socialdemocratico in Italia.
Prima di quegli eventi, un partito socialdemocratico (la piattaforma socialdemocratica, il cosiddetto riformismo) non poteva nascere, nonostante Turati e il suo discorso all’ultimo governo Giolitti, a causa di quello che Nenni chiamò “il diciannovismo”, l’occupazione delle fabbriche, quindi la grande paura della borghesia italiana, con una pagina che è stata rimossa che fu l’incitamento all’occupazione delle fabbriche come modello di Stato futuro, di Ordine Nuovo di Gramsci.
Gramsci con Ordine Nuovo teorizzò l’occupazione delle fabbriche e teorizzò i soviet delle fabbriche come antesignani di quello che doveva essere poi lo Stato dei soviet; allora la borghesia prese una grande paura fino al Fascismo e al Ventennio. L’unico momento in cui sarebbe potuto nascere il parti...