Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 5
 
 


2012,
Numero 5/6

Vincere il cambiamento

DocumentoLa diagnosi di un’Europa che si è indebolita perché ha dimenticato di essere una grande ideale
di Martine Aubry e Jean-Marc Ayrault

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, i padri fondatori si erano riuniti attorno a una scommessa: l’unione delle nazioni europee avrebbe dovuto proteggere da tutti i pericoli e permettere a tutti pace e progresso.
Il primato dei governi conservatori, soprattutto nell’ultimo decennio, e l’indebolimento delle istituzioni europee, in primo luogo della Commissione, si sono sommati per dare troppo libero corso alle sole politiche liberiste. Senza ambizione politica e sociale, la costruzione europea è stata duramente colpita dagli effetti della globalizzazione senza regole e dalle conseguenze della deregulation del capitalismo finanziario.
Oggi, i popoli si stanno allontanando dalla promessa d’Europa perché l’Europa si è allontanata da loro.
Ma che l’Europa non abbia tutelato abbastanza i suoi popoli, non ci deve far dimenticare che, nella globalizzazione e di fronte a grandi poteri, vecchi e nuovi, e a forze multinazionali l’Unione europea ci può dare una capacità d’azione, per efficacia e dinamismo, che non avremmo ciascuno da solo, e che può e deve essere il Continente che governerà le nuove sfide mondiali. (…)
La crisi ha dato ragione alle analisi della sinistra. Dopo tre decenni segnat...