Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 8
 
 


2012,
Numero 8

Borrelli: “l'imputato? appartiene al genere umano”

1995 - Numero 2
di Giancarlo Lehner

Dagli inizi dell'inchiesta Mani Pulite al tentativo di prendere il potere Francesco Saverio Borrelli, dopo un periodo di incredulità e, quindi, di cautela, cominciò a prendere molto sul serio il consenso popolare, sino al punto di confessare, con qualche rivolo d'orgoglio, che, alla fin fine, il suo ufficio non aveva fatto altro che incarnare, ad un certo punto, la “volonté générale”. La figura del pubblico ministero che così gelosamente si vuole tenere distante ed autonoma dall'esecutivo, mentre deve rimanere comunque indistinta rispetto alla figura del giudice, viene presentata come legittimata e, quindi, giustamente “dipendente” dagli umori delle piazze e degli agit-prop.
Il 7 aprile 1993 (cfr. il Giornale), nel corso di una tavola rotonda, il procuratore capo di Milano rappresentò così gli alimenti vitali del pubblico ministero: “La funzione di investigazione del pubblico ministero non sta nel vuoto e non si alimenta di aria; si alimenta di contributi verso l'accertamento della verità, contributi di denuncia... che provengono dall'ambiente circostante, dalla popolazione, dalla volontà di collaborazione, dalla solidarietà che la cittadinanza mostra...