Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 9
 
 


2012,
Numero 9

“Hot lines” a palazzo di Giustizia

1995 - Numero 5
di Direzione

Caro avvocato, vedo che ancora una volta, in vari organi di stampa, nelle righe e tra le righe, vengo chiamato in causa per memorie che non ho presentato, per denunce che non ho inoltrato, per dichiarazioni che altri hanno fatto e che a me sono state attribuite.
E' ben vero che più di due anni fa, scrivendo sull' “Avanti!”, organo del Partito di cui io ero allora il Segretario, avanzai, per la verità con grandissima misura e prudenza, qualche dubbio, che ritenevo non fosse privo di fondamento, circa la figura e l'attività del Dott. Di Pietro, già avviato ad assumere il ruolo popolare di eroe nazionale e che qualcuno poi ha provveduto anche ad internazionalizzare.
Mettevo in dubbio in quelle brevi note, la linearità della condotta dell'ormai già famoso magistrato, l'ambiguo sistema delle sue relazioni, e tutto un insieme di decisioni opinabili, discutibili e persino sospette.
Mi ero limitato a dire, in sintesi, che, forse non era tutto oro quello che riluceva. E non avevo torto.
Ero stato indotto a scriverlo, parte a causa di informazioni che mi erano state fatte pervenire e parte per le informazioni che mi erano state in qualche modo preannunciate.
Come tutti ri...