Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 9
 
 


2012,
Numero 9

Le privatizzazioni selvagge

1995 - Numero 8
di Umberto Dragone

Mi spiace molto ma nella discussione, sul come privatizzare l'Enel, o rendere il servizio più efficiente attraverso la concorrenza tra più soggetti impegnati nella produzione, trasporto e distribuzione dell'energia, sul come vendere o svendere l'Ente, tanto per citare tutte possibilità, anche quelle pudicamente taciute, hanno torto, De Mattè, De Benedetti jr, Scognamiglio, Cipolletta, Cavazzuti, ed alcune altre dozzine di reputati economisti. E più che mai, ha torto un fabbricante di calci di fucili da caccia diventato, per bizzarria della sorte ma anche fortunatamente per poco tempo, ministro dell'Industria nel Governo italiano e non al Carnevale di Viareggio. Ha invece ragione il neo-ministro, Alberto Clò. Lasciamo perdere, in questa sede, se la privatizzazione del settore elettrico sia utile o meno al Paese. I fautori della nazionalizzazione, trent'anni or sono furono bollati come bolscevichi che volevano abbeverare la cavalleria cosacca nelle fontane di S. Pietro (Valerio e C. cercarono di strappare a Pio XII una dichiarazione in questo senso. Il S. Padre, saggiamente, rifiutò).
E penso con nostalgia a De Gasperi, Mattei, Lombardi, La Malfa, E. Rossi, Vanoni, S...