Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 9
 
 


2012,
Numero 9

Sino a quando?

1995 - Numero 8
di Edmond Dantes

Ci sono cose scritte e riscritte che meritano di essere rilette perché i fatti le hanno confermate e continuano con forza a confermarle. Cominciamo dal “pool” di Milano. “Da quello che ‘il pool amministra giustizia secondo la regola dei due pesi e delle due misure' a quello che ‘Borrelli intende ingraziarsi il Pds per poter contare sul suo aiuto quando la rivoluzione giudiziaria favorirà l'avvento del governo della sinistra e bisognerà scegliere i nuovi governanti'. La conferma viene da alcune circostanze e vicende addirittura clamorose. La più marchiana è che il ‘rito ambrosiano' applicato da Borrelli prevede norme diverse a seconda che gli indagati siano del Pds o degli altri partiti. Per questi ultimi vale il principio della responsabilità oggettiva mentre, per gli esponenti dei Pds questo principio non vale affatto. Così Craxi e Forlani ‘non potevano non sapere' delle tangenti incassate dai responsabili amministrativi dei propri partiti.
Achille Occhetto prima e Massimo D'Alema dopo, possono tranquillamente ‘non sapere' dell'allegra finanza di Botteghe Oscure. Nessuno si sogna di chiamarli in causa. Gli altri subiscono la responsabilità ...