Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 10
 
 


2012,
Numero 10

Il caso Tortora prepara il golpe nella magistratura

1996 - Numero 3
di Mauro Mellini

Celate agli occhi del gran pubblico negli ambienti giudiziali, nella magistratura , andavano maturando situazioni di autentica rivoluzione (di ribaltamento di ruoli, di abbattimenti di situazioni istituzionali) destinate a consentire e a segnare il protagonismo giudiziario dal 1992 in poi. Da allora si manifestarono come un'improvvisa realtà, ma erano fenomeni a lungo maturati e rispetto ai quali la classe dirigente dell'epoca aveva mostrato, nella sua gran parte, una cecità e una inerzia degne veramente di quel mummificato sopravvivere che ne caratterizzò l'ultima presenza sulla scena. Quella fu la fase preparatoria, iniziale del golpe.
Quando cominciarono la raffica degli arresti, la messa alla gogna di tutta una classe politica, e della politica stessa, il gioco, si può dire, era fatto. In realtà, una parte della classe politica non aveva “subito” quel golpe. L'aveva stimolato, preparato, guidato. Aveva tramato con la fazione oltranzista della magistratura, con i “magistrati di partito” ? ormai divenuto il “partito dei magistrati” , ne aveva coperto le manovre, aveva ottenuto per essi gli strumenti e lo spazio per portare a fondo l'operazione. E ne er...