Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 11
 
 


2012,
Numero 11

“Il caso Craxi non verrà sepolto”

L'ultima intervista del leader socialista affidata alla Critica
di Bettino Craxi

Dall'ospedale di Tunisi, poco prima di essere operato, Bettino Craxi inviava per una ultima intervista a Gianni Pennacchi de il Giornale il testo che pubblichiamo e che ha affidato a Critica Sociale.

“Mi dispiace ma non ti posso incontrare. So che la tua insistenza è amichevole ma mi trovo di fronte a cause di forza maggiore,
Sono tornato a rifugiarmi all'ospedale militare di Tunisi
Le cose si complicano e ogni giorno c'è una nuova scoperta che non fa piacere
Dovevo fare una operazione urgente. Ora ne debbo fare due.
Che Dio mi aiuti. Conto di uscirne vivo. Ci sono ancora troppi mascalzoni che vorrebbero il contrario anche se si coprono il viso con il velo della ipocrisia umanitaria
Ora purtroppo le mie cose sono improvvisamente cambiate,
Non so se cercherò di operarmi in Tunisia, magari con l'aiuto di una équipe italiana, in Francia o negli Usa.
Di messaggi ne ho ricevuti tanti. Non li ho ancora letti tutti. Quello che più mi ha fatto piacere è il mes saggio del Santo Padre. Per il resto tanti si sono rici clati e tanti continuano a comportarsi come se nulla fosse. Bugiardi ed extraterrestri,
Il Caso Craxi c'è e se riuscirò a vivere non lo si seppellirà tant...