Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2012 >> Numero 11
 
 


2012,
Numero 11

Un caso esemplare. La Filiale “EUMIT”

1996 - Numero 9
di Nestore Di Meola

Attraverso una complicata rete di import-export il Pci controllava i rapporti tra grandi imprese italiane e Mosca. E si finanziava.

A scuola da Markus Wolf
Siamo negli anni ‘60, nel pieno della guerra fredda. La Repubblica democratica tedesca (Rdt), per sua definizione “primo Stato degli operai e dei contadini in territorio tedesco”, è tutta impegnata a conquistarsi una sua ‘identità' che la affranchi dalle colpe commesse dalla Germania nazista. Perciò vuole accreditarsi come entità statuale avanzando il diritto a una sovranità territoriale pari a quella concessa dagli alleati alla Repubblica federale di Germania (Rfg). Tra i Paesi del blocco comunista la Rdt è l'alleato più fedele alla linea ideologica del partito moscovita, meritandosi un ruolo di tutto rilievo anche nel campo economico. A forza di immani sacrifici, pur se spogliata dal ‘protettore sovietico' di quei pochi spezzoni di apparato industriale ancora agibili alla fine della guerra, si porta alla guida del Comecon, alleanza economico-commerciale pensata come risposta comunista alla capitalistica Cee. Ha bisogno però di capitali, preferibilmente se provenienti dai Paesi dell'occidente. La Rdt ...