Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 12
 
 


2001,
Numero 12

COSTRUIRE I "DEMOCRATICI" NON SERVE SCHIERARSI

di Giovanni Cominelli

Nell''82, quando venne fatta l'assemblea di Rimini e venne presentata la straordinaria piattaforma politicoculturale per la sinistra, molti di noi che venivano dalla cultura extraparlamentare e cosž via, si orientarono nella direzione di quella piattaforma. Fu soltanto ? e certo non era poco ? la collocazione politica del Partito Socialista allora e anche la vita politica interna che ci tennero lontani, per cui alcuni come noi che si sentivano riformisti entrarono nella corrente riformista del PCI, in particolare con Napolitano. Ho raccontato questo perchť sono uno che Ť interno alla storia della sinistra, la mia entrata nei radicali Ť perchť ho individuato nei radicali un punto di intersezione tra le tradizioni socialiste e le tradizioni liberali, che secondo me Ť un punto fecondo di trasformazione per l'intera sinistra. Aggiungo anche che nel '95 ho diretto una rivista che si chiamava "I democratici", in cui c'erano esponenti che poi andarono al governo: l'idea del partito democratico quindi non Ť per quel che mi riguarda un'improvvisata, Ť un pensiero strategico che si Ť sviluppato lungo gli anni, man mano che mi venivo convincendo dell'esaurimento non solo della tradizione co...