Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 11
 
 


2001,
Numero 11

TECNOCRAZIA SENZ'ANIMA

di Ciro Sbail˛

IDS non riescono a modernizzarsi, senza diventare elitari e tecnocratici. Non riescono a mantenere la base, senza tornare a essere populisti e giustizialisti. Almeno questa Ŕ l'impressione che si ha guardando i flussi elettorali della quercia e facendo un confronto con le sue scelte politiche. Se la classe dirigente si spinge troppo avanti, se abbandona il pacifismo antiamericano e sceglie il riformismo di Blair, la base volta le spalle al partito, applaude i no/global grida il proprio sdegno sui giornali e alla radio. Allora il partito per recuperare riscopre l'anima barricadera. Il recente congresso dei DS, con l'elezione di Fassino al vertice del partito, avrebbe dovuto segnare l'ennesima svolta. Ma Ŕ da anni che il PCI/PDS e poi il partito dei DS aspetta la "svolta buona". E ormai non ci crede pi¨ nessuno. Le recenti elezioni siciliane, con il tracollo dell'Ulivo, hanno dato visibilitÓ e sostanza numerica a una crisi politica profonda, che pesa molto sullo scenario politico italiano. Quella che segue Ŕ la trascrizione di una conversazione con Salvo And˛, al quale chiedevamo qualche elemento di riflessione sul congresso dei DS. Ricorda And˛: "╚ dalla Bolognina che l'attuale g...