Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 10
 
 


2001,
Numero 10

TOTALITARISMI, MASSE, STORIA

di Ruggero Puletti

L'ultimo e recentissimo libro di Antonio Ghirelli ("Tiranni" da Hitler a Pol Pot? Milano, Mondadori 2001) è la più appassionata testimonianza della sua scelta politica, tanto più importante e severa in un paese di dilagante trasformismo. Basterebbe a mettere in evidenza la nobiltà d'animo dell'autore e la sua strenua coerenza quella brevissima (per modestia) autobiografia del secondo risvolto del volume. Egli ci ricorda, accanto alla scelta di battersi per la libertà nel 194445, la sua scelta socialista nel 1956 e la sua successiva milizia nel PSI. Ci ricorda, però, in un'epoca che per molti ha cantato più di tre volte, il gallo del rinnegato, d'essere stato capo dell'Ufficio Stampa del Presidente della Repubblica Sandro Pertini e portavoce del governo Craxi. Ma il testo che sto per prendere in esame è anche l'opera di uno storico esemplare per nitidezza di scrittura e ricca documentazione non erudita (limite di molte storiografie di casa nostra), ma chiamata in causa per mettere in evidenza le ragioni ultime di un processo iniziato molti decenni prima. Ecco perché il volume (soprattutto per l'analisi di tiranni di marca comunista) può stare alla pari con le opere di François Fur...