Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 10
 
 


2001,
Numero 10

DEI NOSTRI PRINCIPI

di Alessandro Mattioli (lettera)

Bene ha fatto "Critica Sociale" ad aprire un dibattito sul destino del Nuovo PSI e, pi¨ in generale, sul destino del socialismo italiano. Pu˛ sembrare un inutile esercizio di velleitÓ in un momento drammatico come l'attuale, ma a me pare che proprio questa contingenza storica ci aiuti a riflettere. Intanto va detto che, come sempre Ŕ accaduto nella storia, se qualcuno semina odio per mezzo secolo quando quel qualcuno sparisce c'Ŕ qualche altro, peggiore del primo, che ne raccoglie l'ereditÓ. E, come sempre Ŕ accaduto nella storia, se mancano mediatori credibili imperversano i violenti, i demagoghi e gli ipocriti. Mai come in questa contingenza si sente la mancanza della voce dell'Internazionale Socialista, ormai ridotta ad un club di socialdemocratici ed excomunisti. Come si sente la mancanza della voce di Craxi, che dialogava con Arafat ed aveva il "coraggio" di criticare Israele quando esagerava. Dobbiamo avere il coraggio di ammettere che il socialismo nel mondo, ed in particolare in Europa, non gode di buona salute: qualche traccia Ŕ rimasta in Francia e nell'opposizione spagnola. In Italia siamo messi ancora peggio. I due partiti socialisti (NuovoPSI e SDI) non raccolgono ...