Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 10
 
 


2001,
Numero 10

RIVOLUZIONE PERMANENTE

di Rino Formica

Ho voluto mettere per iscritto alcuni punti fermi per una riflessione, necessaria e senza equivoci, intorno al tema del riformismo. Questa parola oggi Ŕ di moda; sino ad un recente passato Ŕ stata esecrata e detestata. Il termine riformismonel linguaggio attuale viene utilizzato per indicare o un modello di societÓ o un processo di modifica degli assetti istituzionali o una tradizione di lotta politica o un colore distintivo nella sinistra storica. Il titolo del libro di Vacca: "Riformismo vecchio e nuovo" Ŕ ingannevole perchÚ il lettore si aspetta una storia ragionata dell'esperienza storica del vecchio riformismo ed una valutazione serena delle difficoltÓ che incontra un nuovo riformismo a causa di un prolungato antiriformismo della sinistra italiana. Il vecchio riformismo, per lungo tempo minoritario nella stessa componente socialista della sinistra italiana, fu rifiutato dal Pci, che lo definý "menzogna" e forza "di compromissione e di asservimento ai disegni imperialistici della borghesia". La via del riformismo Ŕ aperta da Turati nel 1901 con un atto di vita parlamentare (il sostegno al Governo ZanardelliGiolitti) e con una analisi teorica di interpretazione del voto: n...