Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 9
 
 


2001,
Numero 9

11 SETTEMBRE 2001 VINCE CHI CONQUISTA LE ALTURE

di John Keegan

Iquotidiani sono pieni di moniti funesti sui pericoli che attendono qualsiasi potenza occidentale coś sciocca da decidere di invadere il territorio afghano. Numerosi redattori ci ricordano incessantemente il massacro dell'esercito della Compagnia delle Indie orientali avvenuto nel 1842 o l'umiliazione patita dall'esercito Sovietico, che pose termine alla lunga occupazione del paese negli anni dal 1979 al 1988. Tuttavia, la storia non ci tramanda solo fallimenti indiscutibili, Qualche intervento ha avuto successo e persino i fallimenti più spettacolari possono essere giustificati. Mentre tutti gli sforzi tesi a occupare la regione e imporle un governo sono culminati in disastri, le spedizioni punitive pure e semplici, con obiettivi limitati o finalizzate a introdurre cambiamenti nella politica, dei regimi afghani, hanno avuto successo in più di un'occasione. La chiave di volta di ogni campagna militare di successo nella regione si è dimostrata e continua ad essere il possesso delle alture. Qualsiasi avanzata lungo la direttrice di una delle innumerevoli vallate dell'Afganistan è stata sempre accompagnata dal posizionamento di una serie di picchetti militari lungo le principali cime...