Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 9
 
 


2001,
Numero 9

11 SETTEMBRE 2001 L'ALTRA GUERRA ALLE POVERTÀ

di JeanPaul Fitoussi

Alcuni eventi provocano rotture o biforcazioni, mentre altri turbano solo transitoriamente l'ordine del mondo. A quale di queste due categorie appartiene la tragedia che ha colpito New York la scorsa settimana? Si può essere tentati di ragionare meccanicamente, applicando schemi atti a funzionare in tempi "normali" a una situazione che potrebbe preludere a tempi nuovi. Si dirà ad esempio che il timore del quotidiano intrattiene la paura del futuro, a discapito dei consumi come degli investimenti; oppure, tenuto conto delle condizioni iniziali di rallentamento pressoché generalizzato nel mondo, che i recenti avvenimenti possono solo precipitare una recessione già preannunciata da varie parti. E per colmare la misura si aggiungerà a tutto questo il rischio di un'evoluzione sfavorevole dei prezzi del petrolio, e quello di un finale catastrofico del crac rampante che già da un anno caratterizza le borse delle varie piazze. Sì, tutto questo si può dire; e come ogni altra profezia, anche questo potrebbe rivelarsi autorealizzante. Al tempo stesso però si percepisce nettamente quanto di infondato vi sia in queste predizioni, poiché un evento che potrebbe preludere a una diversa organizza...