Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 7
 
 


2001,
Numero 7

PIACCIONO ALLA CHIESA

di Roberto Rotondo

Quando il popolo di Seattle dà il via alle manifestazioni di protesta in occasione dei summit dei G8 o delle conferenze della Wto o dei meeting annuali della Banca mondiale, la Chiesa cattolica dov'è, fuori o dentro il Palazzo? La domanda dal vago sapore sessantottino pụ sembrare brutale, ma ha il vantaggio di aprire immediatamente la questione: è un fatto innegabile che negli ultimi tre anni, complice anche il Giubileo del 2000, dedicato alla remissione dei debiti dei paesi poveri, nei discorsi del papa e nei documenti dei vescovi le critiche al fenomeno della globalizzazione sono aumentate notevolmente. A volte con toni molto duri, offrendosi come sponda teorica al popolo di Seattle, variegato mondo di soggetti impegnati nella resistenza a quello che loro stessi definiscono ormai comunemente «l'Impero». Significativo, a questo proposito, l'intervento della Santa Sede alla Terza conferenza delle Nazioni Unite sui «Least Developed Countries» (Bruxelles, 16 maggio 2001): «Non possiamo restare indifferenti a questa situazione. Una società mondiale che lascia coś tanti dei suoi cittadini ai margini del suo progresso non ha titolo di chiamare se stessa globale». La Chiesa sta dunque ...