Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 7
 
 


2001,
Numero 7

NESSUNA CULTURA POLITICA

di Claudio Martelli

Nell'incontro che il Comitato di Presidenza ha avuto con il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi all'indomani del Congresso di Milano, il Nuovo PSI espose le ragioni per cui avevamo costituito il nostro Partito, lo abbiamo ringraziato per quel sentimento profondo di amor di patria che egli testimonia nell'esercizio del suo mandato, affermando il valore della continuità della nostra storia nazionale anche attraverso i passaggi più drammatici del primo e del secondo dopoguerra. Da Ciampi abbiamo ascoltato era il mese di febbraio il riconoscimento dell'apporto democratico insostituibile e indispensabile della storia socialista alla democrazia italiana. Di più abbiamo avuto il piacere di sentire da Carlo Azeglio Ciampi l'incoraggiamento a ritrovare il filo e i percorsi dell'unità socialista nell'interesse del presente e del futuro democratico del Paese. A nostra volta a Ciampi esponemmo i lineamenti essenziali del nostro programma di riforme, la riforma presidenziale, con preferenza per il modello americano, la riforma federalista dello Stato nel segno delle autonomie, della solidarietà e della sussidiarietà; le necessarie riforme anche dello stato sociale, in un più equo...