Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 2
 
 


2001,
Numero 2/3

LA MODERNA SFIDA LAICA

di Claudio Martelli

C'è una battaglia democratica che va fatta a Milano ma va fatta in tutta Italia. Ormai è diventata una constatazione comune persino di coloro che sono gli autori di questo sistema e ne sono i principali profittatori. E' diventata constatazione comune che siamo di fronte a un vero e proprio sovvertimento democratico. Questo sistema maggioritario impuro ha creato una condizione nella quale i deputati e i senatori non sono più eletti dai cittadini ma sono nominati dall'alto. Che a nominarli sia la corte di Arcore intorno a Silvio Berlusconi, la Duma dell'Ulivo che si riunisce a Santi Apostoli a Roma non muta la sostanza di questa vera e propria tragedia democratica che consiste nel fatto che i cittadini ratificano con il loro voto, con la loro croce sulla scheda, scelte alle quali non hanno minimamente partecipato. Sento dire da qualcuno che è sempre stato così, che nel passato erano i partiti a scegliere i candidati e adesso in fondo sono le coalizioni a scegliere i candidati. Non è assolutamente vero che le cose siano paragonabili, innanzitutto perché nel passato, con tutti i difetti della cosiddetta partitocrazia, in ogni caso nei partiti un minimo di vita democratica esisteva ed e...