Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 1
 
 


2001,
Numero 1

LA SATIRA DI REGIME

di Francesco Accursio

Idirigenti RAI sono soliti ammaestrarci, specie quando le loro trasmissioni perdono la sfida degli ascolti contro le concorrenti Mediaset, spiegandoci che la RAI è un servizio pubblico e pertanto il suo principale compito non è solo quello di divertire e fare audience ma anche e soprattutto quello di informare e formare l'opinione dei cittadini. Che la RAI sia rimasta saldamente nelle mani pubbliche, nonostante un referendum in cui il Paese si è espresso chiarissimamente in senso contrario e che dopo anni è rimasto ancora lettera morta, è un dato incontrovertibile. Anche perché, nonostante le ore di pubblicità che la RAI manda quotidianamente in onda in tutte le fasce orarie tanto quanto i canali privati, gli italiani sono ancora costretti a pagare un costoso canone che è obbligatorio e pertanto equiparato ad una vera e propria tassa dello Stato. Ma servizio pubblico non vuole dire solo a pagamento (ad esempio in numerosi paesi europei la TV di Stato è gratuita), dovrebbe invece significare una programmazione sia di intrattenimento che culturale di alta qualità e soprattutto equanime, obiettiva e il più possibile rispettosa della molteplicità delle opinioni e dei valori presenti ne...