Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2001 >> Numero 1
 
 


2001,
Numero 1

UNA STRADA IN SALITA

di Alberto Ciampaglia

Compagne e compagni, vi porto il saluto dei socialdemocratici, che non sono mai venuti meno alle posizioni di autonomia e che giŕ hanno aderito al Partito Socialista Italiano. Ci troviamo oggi a Milano a conclusione di quel lungo travaglio della cosiddetta fase di transizione che noi socialisti, socialdemocratici e democratici abbiamo suběto nel nostro Paese. L'adesione al partito non č dettata solo da questa situazione contingente e molte volte dolorosa per noi, ma anche dalla convinzione netta e precisa che i grandi valori, le grandi idealitŕ dell'umanesimo di Giuseppe Saragat sono patrimonio comune di tutti i socialisti e in nome di questi valori noi partecipiamo con voi alla grande battaglia per riaffermare l'autonomia dei socialisti del nostro Paese. Noi non abbiamo mai tentennato, perché con molti di voi, col vecchio PS abbiamo preso l'iniziativa l'anno scorso di fare una lista comune per le elezioni regionali, ben ricorderete che era una lista Partito Socialista Socialdemocrazia. Il patrimonio comune dei valori di Saragat ci mette in condizione di poter andare avanti insieme a voi, superando i distingui e le divisioni, anche perché rendiamoci conto che dal Paese sta nascend...