Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2008 >> Numero 1
 
 


2008,
Numero 1/2

LA PSICHIATRIZZAZIONE DI ALDO MORO

“Le lettere non sono sue ma di un fantoccio”.
La dettagliata rassegna stampa a caldo (1978) delle dichiarazioni del “partito della fermezza”
di Critica Sociale

I giornali hanno pubblicato le cronologie dei 55 giorni passati fra il rapimento dì Aldo Moro e il suo assassinio per mano delle Brigate rosse. Non abbiamo voluto pubblicarne un'altra. Questa è invece una prima ricostruzione critica e polemica di quei giorni in cui è successo di tutto, è stato detto di tutto e non sì è fatto niente, fra clamore dei difensori d'ufficio della Patria, Leggendo queste pagine si potrà forse capire spietato meccanismo abbia consentito la soppressione a “maggioranza” del presidente della Democrazia cristiana, e quale ruolo abbiano avuto in questo i mezzi d'informazione. Poiché quésta analisi sì basa in gran parte sulla stampa quotidiana, le date indicate sono quelle di uscita dei giornali. Così i fatti riportati si riferiscono al giorno precedente.