Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2008 >> Numero 1
 
 


2008,
Numero 1/2

IL DISSENSO CONTINUA

A trent'anni dalla Biennale del Dissenso di Venezia un convegno della Fondazione Craxi ripropone l'attualità dell'impegno per la difesa e la promozione dei diritti umani nel mondo
di Carlo Ripa Di Meana

Trenta anni fa, il 15 novembre 1977, più o meno a quest’ora, Pierre Carniti arrivò alla sede della Biennale di Venezia, a Ca’ Giustinian. Era in corso uno sciopero nazionale delle tre confederazioni sindacali per la mattinata, che però a Venezia era stato esteso a tutto il giorno. Era la data prevista per l’inaugurazione della Biennale del Dissenso. Pierre Carniti disse: «Vi porto la nostra solidarietà».
Quattro ore dopo, nella Sala degli Specchi, nell’Ala Napoleonica del Museo Correr a Piazza San Marco, mi alzai per aprire i lavori della Biennale del Dissenso che si sarebbe conclusa un mese dopo, la sera del 15 dicembre, al Teatro Malibran.
Anche se i vaporetti non erano usciti dai bacini già dalla sera prima vi era una gran folla: decine di persone sedute al lunghissimo tavolo dei relatori, e alcune centinaia di donne e uomini di tutte le età, in piedi, in assoluto silenzio. Dissi: «Saluto gli artisti e gli intellettuali che hanno dovuto lasciare il loro paese e prendere il difficile cammino dell’esilio. La Biennale di Venezia è fiera di accogliere questi esuli, e la cultura che essi rappresentano. Gli esuli, e coloro che, rimasti in patria senza poter partecipare a questi lavo...