Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2011 >> Numero 3
 
 


2011,
Numero 3/4

Frumento e l’economia internazionale

1921Matteotti e la Critica Sociale
di Giacomo Matteotti

Nei primi mesi di quest’anno, presso la Royal Statistica I Society di Londra è stata letta una interessante Relazione intorno alla produzione, al consumo e al movimento del grano in tutto il mondo. Relatore Sir J. Wilson, che fu anche delegato nel nostro Istituto internazionale d’agricoltura.
La questione è tanto importante per l’Italia, che mi sembra opportuno riferirne i dati e le conclusioni principali.
In un primo quadro riproduciamo i dati medi del periodo normale avanti la guerra, in milioni di quintali (vedi Tabella 1).
La prima colonna segna la media produzione granaria di ciascuno Stato.
La terza segna il consumo medio di frumento, e quindi specialmente di pane, dentro i confini di ciascuno Stato. Le due colonne si equilibrano nella somma complessiva della produzione annuale mondiale in 1070 milioni di quintali, e del consumo annuale mondiale (non compresi i deperimenti e le perdite) in 1070 milioni di quintali; sempre avanti la guerra.
La colonna in mezzo segna invece per alcuni paesi (+) la quantità media di grano estero che doveva essere introdotta ogni anno per integrare il fabbisogno interno; per gli altri paesi (-) la quantità che rimaneva disponibile ed era espor...