Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >> 
 
 

Critica Sociale - Newsletter
Condividi su Facebook Condividi su Twitter CriticaTV
Archivio Storico: la collezione di Turati 1891-1926 (per Abbonati)
Archivio Newsletter: leggi tutte le newsletter
IL "GRANDE GIOCO" NEL GOLFO
foto Gli Usa ritardano il ritiro per bloccare l'Iran
IRAQ ADDIO? FORSE NO
L'IRA DI TEHERAN


A Washington si sta riflettendo sull'ipotesi di apportare alcune modifiche al piano di ritiro da Bagdad. Una scelta che per certo non renderebbe felice Teheran, che giÓ pregustava un successo tattico considerevole; il ritiro degli americani dall'Iraq senza la previa formazione di un governo in quel paese. Secondo fonti riservate di intelligence, l'amministrazione Obama starebbe valutando la possibilitÓ di mantenere un certo numero di truppe in Iraq con la qualifica di peacekeeper delle Nazioni Unite.
Sviluppi che determinerebbero la frustrazione degli obbiettivi strategici che Teheran sta coltivando da tempo sul suo vicino e che, dopo la cacciata di Saddam Hussein, sembrano sempre pi¨ plausibili. Sotto quest'ottica, la probabile decisione americana di ritardare il ritiro dall'Iraq dovrebbe essere valutata non solo come una prudente presa d'atto dell'instabilitÓ che tormenta ancora Bagdad, ma anche come una prima manifestazione della virata di Obama dall'apertura alla durezza nei confronti di Ahmadinejad.

(Fonte immagine: Behzad Bashu)


Nel Golfo qualcosa sta cambiando
IL MONDO ARABO CONTRO AHMADINEJAD?

Bernard-Henri LÚvy, Huffington Post, luglio 2010,

Mentre l'uomo saggio indica la Luna, l'imbecille guarda il dito. Raramente il famoso adagio cinese mi Ŕ apparso cosý veritiero come in questi giorni. Tutti gli occhi sono puntati sul calo di popolaritÓ del presidente (Obama, ndt). L'intera classe politica, come un sol uomo, si interroga sull'episodio del siluramento del generale McChrystal e sulle sue conseguenze. Nel frattempo, mentre si svolgono simili vicende, passa sotto silenzio un evento rilevante, addirittura enorme, colossale, tale da ridisegnare gli equilibri del Pianeta. Un evento nascosto, relegato inspiegabilmente nell'ombra.


Riflessioni su un anno di relazioni Usa-Russia
ALLA FINE, IL CREMLINO SEGUE OBAMA

Konstantin Sonin, The Moscow Times, luglio 2010,

Lo scambio di spie effettuato la scorsa settimana non Ŕ degno di essere discusso. Anche se la storia Ŕ senza dubbio adatta a ispirare una fiction televisiva, essa Ŕ priva di qualsiasi contenuto appena profondo. Ma la calma riservatezza che la leadership russa ha mantenuto durante tutta la vicenda potrebbe indicare un mutamento sostanziale nella politica estera della Russia. Durante la sua visita a Mosca, un anno fa, il Presidente americano Barack Obama annunci˛ quella che sarebbe essenzialmente stata la nuova politica verso la Russia. Dopo aver ascoltato il suo discorso alla New Economic School, l'Úlite russa, abituata a vedere il mondo in termini di bianco e nero, Ŕ rimasta spiazzata.


www.criticasociale.net - iscriviti online agli aggiornamenti
CRITICA SOCIALE
Rivista fondata nel 1891 da Filippo Turati
Alto Patronato della Presidenza della Repubblica

Direttore responsabile: Stefano Carluccio

Reg. Tribunale di Milano n. 646 del 8 ottobre 1948
edizione online al n. 537 del 15 ottobre 1994

Editore
Biblioteca di Critica Sociale e Avanti!
Centro Internazionale di Brera
via Marco Formentini 20121 - Milano