Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 1
 
 


2009,
Numero 1/2

Craxi Oggi

L’Italia tra riformismo e post-comunismo
di Ugo Finetti

Troppo spesso storici anche attenti e autorevoli non hanno colto elementi di fondo della svolta impressa a partire dal 1976 proprio perché hanno fatto “nascere” Craxi al Midas. Ai loro occhi è un essere grigio che viene dal nulla, si trova per caso al vertice del Partito come segretario di transizione e cerca di arrangiarsi: si fa spiegare la storia del riformismo maneggia il rapimento Moro per cercare spazio tra Pci e Dc e quando Berlinguer esce dal governo è la riserva su cui può contare la Dc. In conclusione la “grande riforma” è rimasta sulla carta e quando è caduto il Muro di Berlino non è stato capace di fare un grande partito con l’ex Pci.
E’ invece tenendo presente vent’anni di formazione e di lotte soprattutto di minoranza – tra il 1956 e il 1976 - che si può comprendere la “direzione di forza” del rinnovamento impresso da Craxi al vertice del Partito.
L’articolo “Ottava legislatura” dedicato alla “Grande riforma” fu il manifesto di un‘azione politica e programmatica che si è invece ben realizzata dando non solo al Psi un’impronta nuova.
Due sono i punti centrali. Il primo è costituito dalla rimozione di ciò che potremmo chiamare il “lodo Bobbio”. Norberto Bobbio era all’...