Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 1
 
 


2009,
Numero 1/2

I Socialisti e il Governo

L’estremo tentativo di stabilità politica
di Bettino Craxi

La discussione sull’incarico ad Amato si mischia allo scalpore per i nuovi risvolti dell’inchiesta milanese. Vengono inquisiti i vertici della Cogefar (gruppo FIAT) e viene tratto in arresto il segretario regionale PSI Andrea Parini, mentre il finanziere Silvano Larini risulla latitante.
Il 28 giugno Amato presenta la lista dei ministri, sensibilmente, ridotta rispetto alla precedente legislatura (da 32 a 24).

In una situazione politica particolarmente confusa e conflittuale, dopo una lunga consultazione dei partiti e dei gruppi parlamentari, il Capo dello Stato ha conferito al compagno onorevole Giuliano Amato l’incarico per la formazione del Governo.
Dopo cinque anni di Governi di coalizione a guida democristiana, tocca ora nuovamente ad un socialista il compito di tentare la soluzione di una difficile crisi politica e di ricercare le condizioni per dar vita ad un Governo che si proponga di essere all’altezza della situazione e dei problemi che pesano in un modo sempre più preoccupante sulla vita e sul futuro del Paese. Assolvere nel migliore dei modi ad un compito così impegnativo rappresenta ad un tempo un dovere democratico ed una grande responsabilità cui non potremmo in nes...