Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 3
 
 


2009,
Numero 3/4

Lo stato come “educatore” all’autogoverno

PoliticaIl primo capitolo del saggio dello studioso della Brookings Institution, Investing in Democracy
di Carmen Sirianni

Un volume del 2005 intitolato Democracy at Risk è giunto alla conclusione che era implicita nel suo stesso titolo. Scritto da una prestigioso gruppo della American Political Science Association sotto la guida di Steve Macero e dei suoi colleghi, il libro sottolinea che la democrazia americana è a rischio a causa della “penalizzazione delle capacità e delle attività dei cittadini”, la quale di volta in volta tende a minare la qualità del governare democratico, la legittimità dell’autogoverno e l’influenza nobilitante che il principio di sussidiarietà può avere sui cittadini. Nonostante queste profonde e preoccupanti tendenze insite nella società, comunque, il rischio può essere ridotto da un disegno politico e da una scelta istituzionale che “modellino gli incentivi, gli interessi, le identità e le possibilità dei cittadini a partecipare effettivamente alla vita pubblica”.
Questo libro tende ad approfondire la tesi considerata esaminando più attentamente i modi con cui il governo può fungere da motore consapevole di forza produttiva e risolutrice di problemi tra i cittadini comuni, le associazioni civiche e i gruppi di interesse e come la politica pubblica può essere ridisegnata in...