Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 9
 
 


2009,
Numero 9

“Il problema delle Grandi Riforme”. I socialisti italiani dal 1900 al 1914

di Leo Valiani

Nell’editoriale della Critica Sociale del 1° gennaio 1900, Filippo Turati e Anna Kuliscioff, a sostegno della politica di alleanza di tutte le forze democratiche, del proletariato socialista e del ceto medio liberale, che essi propugnavano da alcuni anni e che il P.S.I. aveva dovuto adottare infine per far fronte alla reazione del 1898, ma che gli estremisti giŕ tendevano a rimettere in discussione, ricordavano come la battaglia per la libertŕ non si potesse ancora dire definitivamente vinta e come anzi, fuor che in Lombardia, nel Piemonte e nei centri piů evoluti di poche altre regioni, la democrazia fosse appena un nome. Non desideravano per questo la partecipazione all’auspicato governo della sinistra costituzionale (Giolitti-Zanardelli), e anzi l’escludevano; promettevano semplicemente l’appoggio ad un governo «che si adoperi a creare le condizioni favorevoli allo sviluppo civile del nostro paese». Per l’affermazione delle esigenze specifiche del socialismo, si rimettevano, fiduciosi nel progresso obbiettivo dell’economia, a questo stesso sviluppo.
Nel numero del 16 febbraio della rivista, Gaetano Salvemini (Un travet) faceva alcuni commenti, «forse inutili», all’editoriale di...