Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 9
 
 


2009,
Numero 9

La prospettiva liberalsocialista. Intervista all’Avanti!

Lib-LabLeo Valiani su Carlo Rosselli
di Massimo Pini

Dall’Avanti! del 23 febbraio del 1980 in occasione del volume sul socialismo liberale pubblicata dalla SugarCo edizioni di Enzo Bettiza e Ugo Intini

Il libro “Lib-Lab” č nato da un colloquio tra Enzo Bettiza e Ugo Intini sulle prospettive del rapporto tra liberali e socialisti in Italia e in Europa. Nel libro ricorre spesso il nome di Carlo Rosselli: e nel convegno “Socialismo liberale e liberalismo sociale” tu hai affermato che per Rosselli esisteva una “terza via”, la via del socialismo liberale, fra i due estremi del fascismo e del bolscevismo. Dunque si puň considerare Carlo Rosselli come il fondatore del liberalsocialismo?
La terza via č nata in Inghilterra e Rosselli lo percepě molto precocemente durante i suoi soggiorni inglesi del 1923-24. Egli fu in contatto con i Fabiani cioč con i socialisti inglesi non marxisti, uomini che avevano elaborato una via graduale, pacifica, democratica legalitaria, riformistica verso il socialismo per differenziarlo dalla via rivoluzionaria che il marxismo originario postulava, Marx aveva svolto la sua opera quando l’Europa non era democratica: ma alla fine della vita di Marx e nei decenni successivi gli avvenimenti modificarono il quadro po...