Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 11
 
 


2009,
Numero 11

Senza la NATO gli ex satelliti sono in pericolo

Intervista al prof. Vittorio Emanuele Parsi: prospettive e limiti del “dialogo” di Obama
di Vittorio Emanuele Parsi

Si stanno studiando armi capaci di uccidere senza radiazioni e limitare i costi umani. Nell’intervista il professore analizza gli sviluppi geopolitici seguiti al crollo del Muro di Berlino, dall’Unione europea come garanzia di democrazia all’evoluzione del comunismo cinese. Ma oggi il confronto non è solo tra ideologie: Cristianesimo e Islam contribuiscono a muovere le dinamiche della Storia.

«Stati Uniti e Russia non hanno mai smesso di studiare “la bomba del futuro”, un’arma ad alto potenziale distruttivo, pari a quello delle testate nucleari, ma con la capacità di non rilasciare radiazioni». A vent’anni dalla fine della Guerra Fredda, che per decenni ha pesato sul mondo con la minaccia di un’apocalisse atomica, Vittorio Emanuele Parsi, professore di Relazioni Internazionali presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, afferma: «Oggi pensare a un mondo senza armi nucleari è possibile, pensare a un mondo senza armi e senza guerre è fantapolitica».
«Se Obama e Medvedev hanno deciso di firmare la risoluzione Onu sull’eliminazione degli arsenali nucleari del pianeta, lo hanno fatto anche perché i loro Paesi hanno la capacità, o perlomeno la prospettiva concreta, di pote...