Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 2009 >> Numero 11
 
 


2009,
Numero 11

Il falso mito del Crollo inatteso

OP-EDQuelli che cascano dalle nuvole
di Bernard Henri Levy

Stiamo costruendo un nuovo mito: quello della “Caduta-del-Muro-che-nessuno-aveva-previsto”. Perché insomma, che nessuno abbia saputo nulla del momento in cui l’evento si sarebbe verificato, è probabile. Che lo scenario stesso dell’episodio, il concatenamento di cause e circostanze che finirono col farlo avverare siano ancor oggi un enigma, d’accordo.
Che nessuna spiegazione storica potesse renderne perfettamente conto, poiché le rivoluzioni quando appaiono sospendono sempre, per principio, la normale logica storica; che all’epoca fossimo testimoni di una sorta di miracolo che ci fece vedere i piccoli popoli delle piccole Nazioni d’Europa centrale che toglievano alle grandi potenze il timone della grande Stria e si riappropriavano del proprio destino, è un’evidenza. Ma partire da questa evidenza per concludere che abbiamo assistito allo spettacolo in uno stato di totale stupore, passare dal fatto, vero, che l’evento era incalcolabile, all’idea, sbagliata, che fosse inimmaginabile; insomma, concludere dal carattere straordinario di tale ribaltamento che il mondo intero aveva digerito la favola di un sovietismo imperituro, non è conforme né alla verità delle cose, né alla memoria di c...